Recensione Humandroid (Chappie)

A quanto pare non esiste un film di fantascienza senza che Sigourney Weaver abbia una qualche parte. Percarità, io sono sempre felice di vederla in un film, ma come molti registi hanno degli “attori fantoccio” che usano in molti film, Sigourney si è ritagliata uno spazio proprio in un intero genere. Not bad.

Dopo questa rapida digressione su Sigourney Weaver, parliamo del film: Humandroid, o Chappie in inglese.

chappie_612x380

 

Apprezzo lo stile del regista molto particolare, di come riesca a parlare di razzismo, segregazione e fantascienza in un’unica botta. Il tutto senza essere ambientato in ‘Murica come tutti i film del tipo.

I critici non hanno apprezzato molto il film, e il motivo è presto detto: non risponde alle domande che pone. Nonostante sia graficamente pazzesco e ben realizzato, il film apre molte domande a cui non viene mai data risposta:

  • Perché Hugh Jackman nella parte di un ingegnere che è super intelligente quanto palestrato?
  • Chi taglia i capelli a Hugh Jackman?
  • Come fa Chappy a fare quello che fa -NO SPOILER- prima, durante e dopo?

Al di lá di questi evidenti problemi del film, la vera sorpresa, e i veri protagonisti, se non per la trama e il film, ma moralmente e per come recitano sono stati Yolandi e Ninja, che interpretano, uhm, loro stessi, quasi. La loro interpretazione è sicuramente migliore di quella di tutti gli altri protagonisti del film, punto.

Rimanendo sui protagonisti il peggiore è sicuramente Hugh Jackman, e non solo per il suo mullet anni 90 che è orribile, ma anche per la parte che recita che è veramente poco credibile.

Alla fine un film piacevole, che non annoia ma neanche da tutte le risposte che uno vorrebbe ricevere. Un lavoro piacevole, ma sicuramente inferiore al precedente film del regista District 9.

You may also like...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>