Recensione Transformers 4: puzza un po’

Sono appena stato al cinema a vedere Transformers 4 e perché non farci una recensione.

Faccio una premessa importante, a me i film semplici in cui ci si spara un botto e ci sono un sacco di esplosioni, robot e dinosauri piacciono un fottio, ma c’è un limite a tutto.

Boom Booom Boom

Qualsiasi cosa esplode in questo film. Sappiamo tutti la passione smodata che ha Micheal Bay per gli esplosivi, ma in questo film proprio non sì è risparmiato, anche perché le esplosioni dovevano coprire in qualche modo il buco della trama.

Spari un colpo, scintille, ricevi un colpo scintille, casca un palazzo, scintille ovunque, un transformer lancia UNA bomba, 1000 esplosioni in fila.

Parliamo della trama di questo film. “Trama“.

Classico cliché della famiglia americana, in cui un padre cresce una figlia ribelle perché la moglie è morta, un tipo che fa davvero di tutto per sembrare Steve Jobs, dal suo comportamento alle pubblicità in perfetto stile Apple, e boh.

Il film è pieno di scene inutili come quella in cui Steve Jobs beve un succo di frutta o l’altra in cui urla in preda all’isteria. Sarebbe potuto durare molto di meno, così sarei riuscito a tornare a casa prima.

Emblematico il pallone da football americano, che il protagonista sì lancia col suo amico e che ritroverà poi in una casa popolare in Cina, che userà per risolvere una questione di vita o di morte. Sarà sicuramente un caso.

Il film è brutto, e Michael Bay dovrebbe seriamente prendere in considerazione l’idea di smettere di fare film.

Poi in tutto questo casino il presidente degli Stati Uniti dove sta? Boh, non c’è e non prende neanche una decisione che sia una, nonostante tutto il casino.

La trama è fortemente scontata, sì salvano solo gli ultimi 15 minuti in cui compaiono i dinosauri robot, ma da soli non bastano a sistemare tutto il film.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>